disCover

Vivo per… lei: da Sanremo con gli O.R.O. al successo internazionale di Bocelli e Giorgia

Siamo nella fatidica settimana di Sanremo, il momento dell’anno in cui tutta Italia parla di Musica. O almeno così dovrebbe essere, al netto delle classiche e infinite polemiche costruite o meno a tavolino. Sul palco dell’Ariston sono nate tante bellissime canzoni tra cui una che è diventata una dichiarazione d’amore per colei che dovrebbe essere la vera protagonista assoluta di questa kermesse: la Musica.

Vivo per lei da quando sai
la prima volta l’ho incontrata,
non mi ricordo come ma
mi è entrata dentro e c’è restata.
Vivo per lei perché mi fa
vibrare forte l’anima,
vivo per lei e non è un peso.

“Vivo per lei” quest’anno copie 25 anni ed è già un classico della canzone italiana, uno standard italiano moderno conosciuto nel mondo per l’indovinatissimo duetto tra Andrea Bocelli e Giorgia. In pochi però conosco la sua storia che è nata proprio sul palco di Sanremo nel 1995.

“Vivo per…” è la prima traccia dell’album di debutto degli O.R.O. (acronimo per Onde Radio Ovest) pubblicato nel 1995 dalla Sugar Music di Caterina Caselli. Gruppo nato dall’unione di cinque musicisti (Mauro Mengali, Valerio Zelli, Mario Manzani, Alfredo Golino e Cesare Chiodo) che dopo anni di esperienza e collaborazione con i nomi più importanti della musica italiana decisero di fondare un gruppo.

O.R.O. – “Vivo per…” (Sanremo Giovani 1995)


Con “Vivo per…” gli O.R.O. nel 1995 partecipano alla manifestazione “Un disco per l’estate” senza ottenere un particolare successo, ma andrà meglio qualche mese dopo quando sempre con questa canzone vincono “Sanremo Giovani” ottenendo di diritto la partecipazione al Festival l’anno seguente.

È il brano che li consacra al successo e nella versione originale degli O.R.O. era una canzone d’amore dedicata ad una donna; divenne la “Vivo per lei” che conosciamo solo dopo e come spesso succede grazie ad una serie di fortunate coincidenze. Nel 1995 Andrea Bocelli stava incidendo il suo secondo album, mancavano ancora alcune canzoni per completarlo e il suo produttore Michele Torpedine pensò al singolo degli O.R.O. e propose di farne una cover.

Torpedine volle cambiare il testo per aggiungere originalità al pezzo e si affidò a Gatto Pancieri che in quel momento stava scrivendo le canzoni per l’album “Come Thelma e Louise” di Giorgia. Fu a Pancieri che venne l’idea di cambiare la prospettiva della canzone: non una dedica d’amore ad una donna, ma alla Musica!

Ho completato il testo in macchina, venendo a Milano da Bologna, dove stavo lavorando con Giorgia C’era una nebbia fortissima, e mentre guidavo ho buttato giù le parole sul registratore che porto sempre con me. È una canzone nata di getto: a volte capita che ci siano dei parti così istintivi, che di solito portano a una grande naturalezza nel risultato. Bocelli ha sentito la canzone e si è entusiasmato.

Gatto Pancieri

Nasce così questa bellissima poesia d’amore che ha avuto la fortuna di essere interpretata da due splendide voci della musica italiana ancora una volta grazie al caso e non ad una premeditata operazione commerciale come si potrebbe pensare. Mentre Bocelli era in studio di registrazione a provare il pezzo, passò di lì Giorgia (Michele Torpedine era il produttore di Bocelli e anche di Giorgia) che si innamorò del brano e così venne l’idea di trasformarla in un duetto.

Andrea Bocelli e Giorgia – “Vivo per lei” (1995)


“Vivo per lei” fu inserita nell’album “Bocelli” insieme alla celeberrima “Con te partirò”, uno dei maggiori successi internazionali della musica italiana che lanciò il talento di Bocelli nel mondo e con cui il cantante era arrivato al quarto posto al Festival di Sanremo 1995 (il festival fu vinto da Giorgia con “Come saprei”).

“Vivo per lei” visse per un po’ all’ombra del grande successo di “Con te partirò”, ma pian piano entrò nel repertorio di molti musicisti di piano bar e nei locali di karaoke. La sua popolarità così aumentò pian piano e scoppiò definitivamente grazie al lancio internazionale della raccolta “Romanza” grazie a cui Bocelli diventerà uno dei cantanti italiani più famosi al mondo.  

Ti potrebbero piacere

Nessun commento

    Lascia un commento